Balestrieri e Arcieri

adminI partecipanti0 Comments

Compagnia dei Balestrieri: le radici storiche

Dalla Vicaria di Lucca alla Dinastia Malaspiniana

La Compagnia Balestrieri del Ducato di Massa, ricostituitasi nel dicembre 2000, ha memoria storica. Le prime testimonianze della presenza di tali armati si ritrovano in un documento risalente al 1381 (sec.XIV), quando Massa era una Vicaria* di Lucca (Vicaria di Massa Lunense). In esso si attesta che nel castello di Massa prestavano servizio 200 armati: “In Vicaria Masse homines CC”. Le origini del corpo dei balestrieri massesi affondano nel trecento (come ci dice un documento del 1381), in pieno tardo medioevo. Un altro documento fa riferimento al 1442 (sec. XV), quando i “Boni Homines Curiales” di Massa, su sollecitazione dei fiorentini, con voto libero giurano fedeltà al marchese Antonio Alberico Malaspina del ramo dello “Spino Fiorito”, Signore di Fosdinovo e cittadino di Firenze, che diviene così il signore di Massa: “cum roccha et fortilizio dicte terre Masse”. Questo scritto del periodo malaspiniano fa riferimento ancora a numerosi balestrieri presenti nel castello di Massa. Lo stemma araldico dei Malaspina dello “Spino Fiorito” è divenuto simbolo ufficiale della Compagnia Balestrieri di Massa. Il periodo storico, esteso anche nei costumi e nelle armi, fa riferimento al 1442. Questa la descrizione dell’arma gentilizia dei Malaspina: “scudo sannita troncato di giallo oro e di rosso allo spino fiorito d’ argento di cinque pezzi al naturale attraversante il palo sormontato da corona marchionale”.

Motto dei Malaspina, ripreso dalla compagnia, è il seguente: “SUM MALA SPINA MALIS, SUM BONA SPINA BONIS” “Sono una spina pungente per i cattivi, e una spina che non punge per i buoni”. Santo Patrono della Compagnia, che è anche patrono della Città di Massa, è San Francisci Assisiensis (San Francesco d’ Assisi).

Gruppo Arcieri Storici

Nel 1398 nel castello di Massa “Erano vi” molti armati, circa 300, una parte dei quali ancora operavano come Balestrieri ed altri come Arcieri “Sagittarius”. L’arco, arma antichissima, già usata dai cacciatori dell’età paleolitica e diffusissima nelle sue varie forme, fu largamente impiegata in tutte le epoche.

Vi erano arcieri a cavallo che avevano l’armatura più leggera degli uomini d’arme. L’ associazione Ducato di Massa ha inserito nella propria organizzazione un gruppo di arcieri, in memoria storica della loro presenza e dell’appoggio dato (1000 uomini armati) a Firenze nella lotta contro Siena. Il Gruppo Arcieri Storici utilizzano nelle gare rigorosamente l ‘arco storico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *