I BORGHI STORICI DI MASSA CHE PARTECIPANO ALLA QUINTANA CYBEA

adminI partecipanti0 Comments

Borgo della Montagna

– Colore della Bandiera: rosso amaranto e bianco

– Scudo: “partito di rosso e bianco alle vette delle Alpi Apuane”

Il Borgo ai tempi della quintana

I suoi abitanti sono prevalentemente cavatori: lavorano duramente e, fra numerosi pericoli sulle vette delle Alpi Apuane, vivono alle loro pendici sfruttando il bosco.

Predominanti sono: la coltura del castagno e la pastorizia, soprattutto l’allevamento di caprini, da cui vengono ricavati ottimi formaggi.

Nella zona di Forno importanti sono le acque sorgive del Fiume Frigido, le miniere del ferro con il quale vennero abbellite molte case del territorio, fra le quali le cancellate del Palazzo Ducale e la produzione di cappelli in feltro.

Antona e Forno sono fra le comunità più antiche. Il Comunello di Antona rappresenta uno dei tre comunelli ai tempi di Alberico, assieme a quello di Mirteto e a quello di Bagnara Centro Storico.

 

Borgo dell’Arancio

– Colore della Bandiera: rosso amaranto, verde e arancione

– Scudo: “partito di rosso e verde al ramoscello con frutti d’arancio”

Il Borgo ai tempi della quintana

Borgo prettamente agricolo. Si coltivano aranci e limoni: molti sono gli agrumeti nell’ abitato di Ortola e in quello di Castagnetola.

Nella zona di Mirteto si coltiva il “mirto”, da cui si ricava ancora un ottimo liquore, ma anche l’olivo (numerosi infatti sono anche gli oliveti).

Inoltre nella stessa piana era molto sviluppata la lavorazione delle fibre di lino, con un elevato numero di addetti; ciò ebbe sviluppo anche grazie alla diffusa coltura della pianticella, uscita dal “battilino”, che fu raffinata dalle mani dell’uomo e ne divenne ben presto tessuto; tali stoffe furono esportate in gran numero a Lucca, dove venivano molto apprezzate dalle classi nobiliari.

Verso Romagnano sui Colli di Candia, al confine con Carrara, sorgono poi imponenti vigneti da cui si ricava un ottimo vino.

Nel “Comunello” di Mirteto il centro della vita sociale è rappresentato dalla Pieve di S. Vitale, nella quale si incontrano nobili, dignitari e villici del borgo.

 

Borgo Centro Storico

– Colore della Bandiera: rosso amaranto, grigio e giallo oro

– Scudo: “partito di rosso alla statua del Mercurio”

Il Borgo ai tempi della quintana

E’ il Borgo della Massa storica dedito ai commerci.

Vivono al suo interno le famiglie più importanti del “contado” e vi risiede la Corte di Alberico I Cybo Malaspina, Principe di Massa; vi abitano e lavorano, oltre ai commercianti, numerosi artigiani, notai, uomini di legge, religiosi.

 

Borgo della Mimosa

– Colore della Bandiera: rosso amaranto e giallo chiaro

– Scudo: “partito di rosso e giallo al ramoscello di mimosa”

Il Borgo ai tempi della quintana

E’ il borgo della piana massese dedito all’ agricoltura e pastorizia.

In questa zona nei giardini sono numerose le piante di agrumi e di mimosa.

In una parte del territorio del borgo passava l’antica via Francigena.

La località di San Cristoforo, dove sorgeva una chiesa, è la più antica.

 

Borgo del Mare

– Colore della Bandiera: rosso amaranto, celeste e oro

– Scudo: “partito rosso e celeste all’ ancora d’ oro”

Il Borgo ai tempi della quintana

E’ il borgo dei pescatori, dove nelle sue folte pinete e zone paludose si andava a caccia.

Nella zona a monte al confine col borgo della mimosa, sull’ antica via Francigena, sorgevano un antico ospitale con annessa la chiesa di San Leonardo, ancora esistente, e l’antico borgo di “Ad Taberna Frigida”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *